Il castello di Castiglione del Terziere si trova su un antico insediamento bizantino del VI-VII secolo. Originariamente di proprietà della famiglia dei Corbellari, il Castello passò ai Malaspina attorno al 1200. La struttura originaria era composta da un mastio, una torre a base quadrata e una cinta muraria, ma verso metà del 1300 Franceschino Malaspina commissionò alcuni interventi di ampliamento che portarono alla costruzione di una nuova ala destinata a residenza e di una torre cilindrica. Dal 1400 il complesso fortificato passò sotto il controllo dei Fiorentini che vi insediarono il Capitanato di Giustizia ed il castello venne adibito a residenza di funzionari. Dal 1969 l’edificio è di proprietà di Loris Jacopo Bononi e dal 1973 vi ha sede il “Centro di Studi Umanistici Niccolò V”. L’istituzione, intitolata ad un importante umanista lunigianese, si dedica allo studio e alla divulgazione di argomenti riguardanti la Lunigiana e a biografie ed opere di autori lunigianesi di tutti i tempi. A disposizione del centro c’è una importante biblioteca che ospita codici, manoscritti e libri a stampa dal XIV secolo ad oggi, numerosi testi fondamentali di storia e di letteratura di autori o argomenti lunigianesi. E’ inoltre disponibile una ricca raccolta di microfilms di documenti antichi difficilmente consultabili presso gli Archivi di Stato. Tra le attività del Centro da ricordare la mostra “Fortificazione e Fabbriche Medicee in Lunigiana”. E’ stata istituita anche una “Libera Cattedrale di Polifonia Vocale” per l’educazione musicale e ricerche di filologia musicale che ha al suo attivo oltre 200 concerti in Italia e all’estero (Europa, Usa).